Mar. Mar 5th, 2024

Arnold Schwarzenegger, attore ed ex governatore della California,  in pochi giorni si  è reso protagonista di due iniziative  a dir poco peculiari.

La prima è stata quella di pubblicare  un video sui social network in cui lo si vede, insieme alla sua squadra, riempire di asfalto una buca in una strada di Los Angeles proprio  nella zona residenziale di Brentwood, quella in cui risiede. Poi ha commentato così il suo gesto: “Non lamentiamoci ma facciamo qualcosa per aggiustare le cose”

La seconda è stata quella di ritrattare un suo pensiero espresso in un’intervista alla CNN nel 2021.

L’attore, allora settantatreenne, travolto probabilmente dall’onda emotiva generata della paura del Covid19, si scagliò con grande durezza contro coloro i quali erano scettici sull’utilità di alcuni dispositivi utili alla contenzione della diffusione del nuovo corona-virus come ad esempio le mascherine. Arnold disse anche che chi rivendicava la libertà di non vaccinarsi si comportava da idiota, e  lo asserì, a onor del vero, con una frase piuttosto colorita. L’ex governatore della California, oggi settantacinquenne, rispondendo ad un suo fan sul suo podcast -Pump Club- sul benessere fisico e psicologico, riconosce di aver sbagliato a dire quelle parole e per questo ha chiesto scusa.

La cosa in sé non è particolarmente importante ma ci può aiutare a comprendere di quanto lo stato emotivo di ognuno di noi fosse stato condizionato dalla paura impressa dal SARS-CoV2

Noi de www.lintelligente.it che abbiamo subito attacchi scriteriati solo perché abbiamo posto qualche dubbio sulla provenienza del virus, evidenziato la relativa efficacia della mascherine e abbiamo espresso la paura per i potenziali effetti collaterali del vaccino a RNA, accettiamo le scuse! Chiunque riconsideri le proprie posizioni in seguito all’affiorare delle nuove verità è ben accolto. Non tutti abbiamo la lucidità di comprendere l’essenza delle cose in condizioni di forte stress. Bene così, Arnold. Bravo!  In attesa che anche  le autorità competenti nazionali ed internazionali si scusino e soprattutto rimedino agli errori fatti verso chi, spesso con cognizione di causa, si è contrapposto al pensiero unico terapeuticamente corretto (e mi sembra di poter anche dire eticamente corrotto), accogliamo con letizia l’iniziativa di Arnold Schwarzenegger. Inoltre ci auguriamo che la stessa venga presa come esempio di onestà intellettuale nonché  come dimostrazione di integrità morale da tutti coloro i quali hanno creato sconcerto, divisione sociale, discriminazione e disagio psicologico. Arnold Schwarzenegger, il tuo è stato un gesto da vero eroe, da Terminator direi, bene, ora tocca ai leader!

Antimo Pappadia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *