Sab. Dic 3rd, 2022

La psoriasi è una malattia prevalentemente cutanea di natura infiammatoria con andamento cronico recidivante.

L’eziologia è multifattoriale e include la predisposizione genetica. Talvolta accade che un fattore scatenente è legato ad un trauma, ad infezioni e alla somministrazione di alcuni farmaci.

Nella maggior parte dei casi si manifesta con papule e placche ben circoscritte, eritematose e ricoperte da squame argentee. Nonostante nella maggior parte dei casi si riveli solo al livello cutaneo, il suo coinvolgimento  sistemico è ben noto.

La psoriasi, in Italia,  colpisce circa il 3% della popolazione senza distinzioni significative tra sesso maschile e femminile.

Può manifestarsi  a qualunque età con picchi di insorgenza precoce (prima dei 30 anni), e tardiva, dopo i 50 anni.

Il trattamento farmacologico per curare la malattia dipende dalla gravità e dal disagio che vive il soggetto che ne soffre. Per le forme più lievi si fa ricorso a farmaci topici come ad esempio gel, pomate a base di cortisone oppure ad emollienti per ridurre il prurito. Il principia attivo maggiormente utilizzato è il metotrexato, appartenente al gruppo degli agenti antineoplastici, immunomodulatori e immunosoppressori che può essere usato anche nel trattamento delle forme gravi di psoriasi e per l’artrite psoriasica attiva negli adulti. In ogni caso, come vale per qualsiasi altra patologia  anche per quanto riguada i sintomi riconducibili alla psoriasi, è indispensabile rivolgersi ad uno specialista.

Comitato scientifico de www.lintlligente.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *