Dom. Dic 5th, 2021

E’ uscito il 9 novembre, Politôxic, l’album di Daryo, per la label Tropical Thunder. Uno spirito libero e punk dal Madagascar, Daryo è italiano e nella splendida isola, dove vive, ha prodotto l’album, assieme ad ATM Project, composto fra marzo e maggio di quest’anno, ad Anakao. «Erano più di vent’anni che nel mio animo ribelle maturava la voglia di rendere reale questo progetto musicale» racconta Daryo.

«Ho lavorato con musicisti professionisti che mi hanno aiutato a strutturare e ad eseguire le mie idee e la loro grande capacità, e il fatto di essere solo io a dirigere i lavori, ha reso il tutto molto più semplice e rapido». Con la crisi legata al Covid il Madagascar è rimasto totalmente isolato fino ad oggi e ciò gli ha permesso di avere più tempo per lavorare all’album. «Ho potuto finalmente dedicarmi a ciò che preferisco, il rock’n’roll».

Una curiosità: il disco è stato suonato soprattutto con una Fender Stratocaster appartenuta al chitarrista di Johnny Hallyday e che il nostro chitarrista vinse ad un concorso ad Antananarivo, aggiudicandosi il titolo di miglior chitarrista rock del Madagascar.

L’album ha anche uno scopo benefico: una parte degli importi servirà a sostenere e ad ampliare il centro di accoglienza Ernesto Guevara per bambini poveri creato da Daryo. «Il centro ospita attualmente trentuno bambini, che qui vengono curati, nutriti, vestiti e istruiti. La mattina, infatti, seguono le lezioni, poi c’è la mensa». Il centro è gestito dall’associazione fondata da Daryo e i suoi collaboratori che si chiama “Aza Mijaly”, cioè “infanzia vulnerabile”.

BIO

Daryo, cuore selvaggio

Nato nei primi anni ‘80 sulle sponde del Lago Maggiore, inizia a scrivere poesie in tenera età. Fin dalla prima adolescenza, comincia a sviluppare un senso di intolleranza per il sistema e per le regole, diffidando dello stile di vita imposto dalla società di consumo, provando orrore per le costrizioni che esso progressivamente vuole imporre. 

Verso i 17 anni inizia a cantare in una R’n’R band, a vivere di espedienti, ad amare la notte e la tipica gente che la popola. Spinto da un irrefrenabile spirito di avventura, comincia a viaggiare sempre più lontano, facendo incontri incredibili e vivendo esperienze estreme. Il cammino lo porta ad un lungo periodo di riflessione ai Caraibi, dove capisce che è giunto il momento di cambiare radicalmente vita. L’istinto lo conduce nel recondito Sud Ovest del Madagascar, dove costruisce la sua dimora.

Da dodici anni lo si può trovare sulla riva della paradisiaca baia di Anakao, accanto a una tribù di pescatori. Conduce uno stile di vita selvaggio, libero da quella realtà oppressiva dalla quale è riuscito a sottrarsi.

Daryo si è sposato con il cantante Papillon (noto nel Sud del Madagascar) all’ambasciata italiana di Pretoria; ciò ha dato una scossa al paese, contribuendo ad abbattere il muro di silenzio che avvolge la libertà sessuale in Madagascar.

It was then that I knew I’d had enough

Burned my credit card for fuel

Headed out to where the pavement turns to sand

With a one way ticket to the land of truth

And my suitcase in my hand

How I lost my friends, I still don’t understand…

(Neil Young cit.)

CREDITS

Daryo with ATM ProjectPolitôxic

Daryo: voce, testi e musiche

Anjara Rakotozafiarison: chitarra

Tonny Mahefa: basso

Miora Rabarisoa: batteria

Laurent Amouric e Nicolas Ariault: supporto logistico

Registrato da Miou Sonor al Peter Pan Anakao Studio (Madagascar)

Tracklist

Facebook: https://www.facebook.com/Daryo-New-Punk-Rock-109578271340211

Instagram: https://www.instagram.com/daryo_music

Spotify: https://open.spotify.com/artist/6BjxYrCXvjcfpLVd5FQKL3?si=PtRLPzpWT26zyls-oAaxRA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *