Dom. Lug 14th, 2024

Amori, rivelazioni, sogni, speranze, disincanto. Tutto è giocato su sguardi intensi ed enigmatici, elemento nodale dei volti dipinti da Nina Tvauri, che immette nelle sue tele esperienze di incontri e di vissuto. Alla sua prima mostra, l’artista inaugura la sezione “Artisti Emergenti” di Arcus Artis GalleryLab, spazio creativo in via dei Due Gobbi n. 2/c nel centro storico di Reggio Emilia. 

Infinite esistenze si susseguono come giorni, come anni, come visi di persone sfiorate per caso e che svelano storie di passioni incandescenti o di avventure, di giornate scandite da faticosi passi o di scoperte future.

Grazie a pennellate leggere, quasi stese da un’anima diversa in uno stato di estasi creativa, Nina tratteggia presenze reali eppure ermetiche, che sembrano velare segreti profondi dietro quei tratti volutamente imperfetti, come imperfetta è l’essenza umana.

Un viaggio rituale tra le latitudini, alla scoperta del sé più taciuto, percorrendo lo sguardo di altri.

Spirito e carne si alternano, in visi che narrano di terre lontane e di cammini tra i vicoli o ai confini del mondo, scendendo nel profondo e nei ricordi di fanciulli che conoscono il primo turbamento amoroso, contrapposti ai bimbi che, come prima memoria, hanno il terrore della distruzione e della guerra, che non conosceranno mai l’affetto di madri e nonne dagli abiti sgargianti, che volteggiano, danzando sulle note delle filastrocche di villaggi distanti, nel tempo e nello spazio.

Su tutto, il filo rosso del sentimento, che non si compra con l’oro né col potere di un re, ma solo con la fragilità di un fiore e la dolcezza di un sorriso, illuminato dalla luce della luna che, scintillando nella notte, ricopre con lucente manto il deserto quanto il mare.

La mostra di Nina  Tvauri sarà presente fino al 28 gennaio prossimo.

(Stefania Ferrari)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *