Sab. Dic 3rd, 2022

Venerdì 24 giugno è uscita la nuova produzione del pianista compositore torinese Emanuele Francesconi Charlie Parker dal titolo “Era nato il 29 agosto“. Il lavoro è stato realizzato in collaborazione con il Combo Jazz Quintet, ed è disponibile su tutte le piattaforme digitali.

Si rinnova, quindi, il sodalizio con il produttore Mike Generale e con l’etichetta britannica.

Si tratta di una suite in tre tempi dedicata a Charlie Parker e il titolo vuole evidenziare la data di nascita di Parker: il caso ha voluto che sia anche quella della madre di Francesconi, Anna, e della sorellina della fidanzata, Silvia, purtroppo mancata a soli tre mesi.

«La composizione è dedicata al fondatore del jazz moderno e del linguaggio bebop Charlie Parker» racconta Francesconi, «le cui produzioni sono per me fonte di continuo stimolo, alla stregua di Bach nel contesto classico».

Al grande genio di Parker era già stata dedicata nell’album TUR-i-N AROUND, uscito lo scorso ottobre, la traccia Black Lives Matter che prendeva la forma di canzone attraverso le parole di Francesconi e la splendida melodia parkeriana di Segment.


I brani che sono stati arrangiati sono in sequenza Yardbird Suite, Quasimodo e Au-Leu-Cha e due di questi sono, infatti, in forma canzone.

In Yarbird Suite, rinominata Para eum amigo per via di vicende personali del compositore, oltre all’arrangiamento in chiave bossa nova-latin, il testo è una poesia dapprima tradotta e proposta in portoghese (grazie all’ausilio del percussionista brasiliano Gilson Silveira) e poi riproposta in Italiano.
Quasimodo mantiene la struttura e la melodia originale, ma il tema è nella metrica del sei ottavi invece che del canonico quattro quarti.

Il brano Au Leu Cha è un’interpretazione visionaria e impressionistica, con il tema scardinato all’essenza melodica e poi vestito delle parole di Francesconi, questa volta in inglese. Il finale propone anche la traduzione del testo letto dal compositore in forma recitata oltre che accenni al free e alla dodecafonia.

L’organico è lo stesso del disco uscito lo scorso autunno TUR-i-N AROUND e che prevede, quindi, oltre a Emanuele Francesconi al pianoforte, Paolo Franciscone alla batteria, Veronica Perego al contrabbasso, Cesare Mecca alla tromba e Marco Di Giuseppe al sax tenore. Immancabile, anche in questo caso, il prezioso featuring vocale di Nelsi Furtado.

Verrà presentato martedì 28 giugno a Torino, all’Evergreen Fest al Parco della Tesoriera.

Salirà sul palco la stessa formazione impegnata negli album, qui sopra citata.

Info e prenotazioni: Tel. 0117727867 prenotazioni@evergreenfest.it

BIOGRAFIA

Emanuele Francesconi è pianista, compositore e arrangiatore. Inizia gli studi classici di pianoforte presso il Centro Didattico Musicale Italiano nel 1992. Dal 1996 si esibisce come pianista-tastierista presso cover band dalla matrice jazz e blues. Nel 1999 inizia gli studi privati di jazz con il maestro Guido Canavese, che proseguirà fino al 2004. Contemporaneamente studia pianoforte classico, dando esami come privatista presso i Conservatori di Torino e Novara. Entra poi come interno nella classe di jazz al Conservatorio di Torino dove ha come maestri Furio DiCastri, Dado Moroni, Giampaolo Casati, Emanuele Cisi. Ottiene la laurea triennale in pianoforte jazz con una tesi su Chick Corea e conclude il biennio di arrangiamento e composizione laureandosi con 110 e lode e la messa in scena della pièce teatrale M’usa per dissacrare con la regia di Christan Castellano (SudateStorie TeatroRicerca) e composizioni originali per orchestra jazz.

I suoi progetti compositivi hanno avuto sempre un riconoscimento, a livello nazionale e internazionale: primo premio al Barolo Jazz Contest per il suo duo Nuit Française con la violinista Cecile Delzant; premio del pubblico al concorso nazionale di jazz, categoria gruppi , “Chicco Bettinardi” di Piacenza, con il suo trio “E. Francesconi Trio”; esecuzione del suo Dies Irae per solo, coro e orchestra d’archi, premiato ed eseguito a Leopoli (Ucraina) per la kermesse finale del concorso Internazionale “Sacrarium”.

Svolge intensa attività didattica, privatamente e presso scuole di musica (PercStudio) e Associazioni Culturali (TedacaBellarte) e anche concertistica, portando in scena prevalentemente progetti di sua composizione. Pubblica regolarmente le sue produzioni con DDE Records dal 2018. Ha suonato, tra gli altri, con Lella Costa, Furio Di Castri, Famoudou Don Moye.

Emanuele Francesconi su Spotify: https://open.spotify.com/artist/4vkEL7soHz4PMY1VDfnGvK?si=e_gtViPHRNSogkediv1JXw

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *