Dom. Set 25th, 2022

Il glaucoma, è la seconda causa di disabilità visiva e cecità in Italia. Stando ai dati forniti dall’OMS, relativi al glaucoma definito “comune”, la malattia colpisce circa 55 milioni di persone nel Mondo, ed è la causa del 15% dei casi di cecità totali (5 milioni).

 Trattasi di una patologia caratterizzata da aumento della pressione intraoculare, danno del nervo ottico, con conseguente compromissione del campo visivo.

Se l’aumento della pressione intraoculare non si accompagna al danno del nervo ottico si parla di ipertensione oculare.

Il glaucoma è una patologia da non sottovalutare perché le lesioni da esso provocate e la conseguente  perdita parziale o totale della vista può essere irreversibile. Negli  stati più avanzati si ha la visione cosiddetta “tubulare” cioè la perdita progressiva del campo visivo periferico lasciando una visione solo centrale, proprio come ci accade quando attraversiamo un tunnel e vediamo, da lontano, l’uscita.

La più frequente forma di glaucoma (detto primario ad angolo aperto) è per lo più asintomatica, compare dopo i 40 anni ma le possibilità di essere colpiti quadruplica dopo gli 80.

La causa è ignota. Vi sono però dei fattori a rischio tra cui ricordiamo: l’avanzare dell’età, le persone che  soffrono di un grado di miopia elevato e/o gli ipermetropi, coloro i quali  fanno uso o abuso di farmaci steroidi, i soggetti con una pressione intraoculare elevata o  che hanno subito una lesione agli occhi.

La redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *