Le dieci domande a cui il Presidente Bonaccini non sa –O NON VUOLE- rispondere

La necessità che Il Coordinamento cispadano NO autostrada- SI strada a scorrimento veloce ha di formulare queste dieci domande alle Istituzioni preposte e in particolare al Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, nasce dalla mancanza di una completa ed oggettiva informazione in merito al tema della Cispadana. Se fino ad oggi le informazioni sono state miopi e/o volutamente incomplete, con l’evento del Covid19 la linea scelta dalla Regione Emilia Romagna sfocia addirittura in una imbarazzante contraddizione ideologica.

Preso atto che la Cispadana è un progetto di collegamento stradale (Cat. C1) Parma – Ferrara fin dal 1964, Il Coordinamento cispadano NO autostrada- SI strada a scorrimento veloce si chiede dunque:

1) Perché si insiste a volere realizzare la Cispadana come infrastruttura autostradale e non come Strada a scorrimento veloce (più parallela ristrutturazione ferrovia) come già approvato da Regione ER nel 2004 con un costo complessivo allora di circa 85 milioni di euro (ad oggi  attualizzabili a circa 200 milioni)?

2) Perché si vuole impegnare finanziariamente la Regione per oltre il triplo di denaro pubblico (279 + 400 milioni di euro) per realizzare una  tratta autostradale e opere complementari/adduzione da Reggiolo a Ferrara essendoci anche, a carico di ARC, un Project financing tutt’ora indefinito (stime 2013 di oltre un miliardo di euro), con l’evidente rischio di ulteriori esborsi da parte pubblica?

3) Perché si vuole occupare con l’autostrada una quantità ben maggiore (almeno il triplo) di suolo fertile della Regione ER, rispetto al progetto stradale, suolo che produce eccellenze agroalimentari che esporta in tutto il mondo?

4) Perché si vuole devastare idrogeologicamente e architettonicamente il territorio e il paesaggio della Regione ER, già colpita dal sisma 2012, facendo trincee e gallerie fino ad una profondità di 10 metri e rilevati in attraversamento alti fino a 15 metri?

5) Perché si vuole ancora puntare sul  trasporto autostradale anziché il trasporto su ferrovia, anche  alla luce dei lavori di potenziamento ferroviario della Ravenna-Ferrara-Suzzara e della Parma-Poggio Rusco, che darebbero una moderna e competitiva logistica in particolare per le merci dai Porti di Ravenna e La Spezia con snodo intermodale a Poggio Rusco per il centro Europa, come da decenni ci raccomanda la stessa Europa?

6) Per quali ragioni il parere assolutamente negativo (infrastruttura devastante) del Ministero del Turismo e Beni Culturali espresso il 23 Giugno 2014 è stato sostanzialmente superato dalla Commissione tecnica VIA/VAS del 16 Gennaio 2015?

7) Perché, a differenza del tratto di Cispadana da Reggiolo a Parma a scorrimento veloce, il tratto di Cispadana da Reggiolo a Ferrara si vuole fare in forma autostradale?

8) Perché da almeno 20 anni nei vari PRIT la Regione ER scrive: SI’ alla logistica intermodale con prevalenza via ferrovia, fiumi e mari ; NO consumo di suolo fertile ; NO inquinamento ambientale complessivo ; NO dissesto idrogeologico ; ecc. … ma poi nei fatti si vuole realizzare  un’autostrada sproporzionata rispetto ai reali bisogni dello specifico territorio Reggiolo – Ferrara?

9) Perché a fronte della richiesta e della raccomandazione dell’Europa per uno sviluppo ecosostenibile come il non spreco di suolo, il rispetto dell’ambiente, della salute pubblica, ecc. ecc., la Regione ER vuole invece agire in evidente senso contrario?

10) Perché la Regione ER e i Comuni interessati alla Cispadana non aprono finalmente il dibattito pubblico accettando il confronto democratico sulle DUE diverse soluzioni infrastrutturali (a scorrimento veloce e autostradale) prima della prossima Conferenza dei Servizi come  previsto da Leggi dello Stato?

In ultimo una considerazione: Le risposte a queste domande, domande consegnate a mano al Presidente Bonaccini già una prima volta il 29 agosto 2019 a Reggiolo con promessa di risposta dello stesso, sono indispensabili anche per capire il perché nel 2002 l’allora Presidente della Commissione Ambiente e Territorio della Regione  Muzzarelli comunicò alla stampa che completare la Strada a scorrimento veloce Reggiolo-Ferrara sarebbe costata circa 85 milioni euro (attualizzati a circa 200) mentre l’Assessore Donini nel 2019, in una risposta scritta ad una interrogazione di una Consigliera di minoranza, ha dichiarato che il completamento verrebbe a costare 343 milioni euro  … certamente qualcuno sbaglia signor Presidente!

Il Coordinamento cispadano NO autostrada – SI’ strada a scorrimento veloce

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *