“Cento lupi” di Liu Ruowang

Mai come oggi il tema della rivincita della natura sull’uomo è stato così sentito, discusso e temuto.

L’opera che incarna perfettamente questo concetto è esposta in  Piazza Municipio, uno dei luoghi più rappresentativi di Napoli.  Nonostante  la piazza  oggi sia deserta nel rispetto delle normative governative indotte ad ostacolare la diffusione del nuovo coronavirus, l’istallazione, nelle settimane precedenti all’emergenza sanitaria, è riuscita a guadagnarsi un grande successo morale e artistico. Creata dell’artista cinese Liu Ruowang dal titolo “Cento Lupi, l’opera vede ben cento lupi di metallo dal peso di quasi trecento chili l’uno che minacciano un uomo che, da solo, tenta (probabilmente invano) di difendersi con un oggetto a forma di ombrello. L’opera intende rappresentare metaforicamente la feroce risposta da parte della natura nei confronti dell’essere umano, accusato di essersi rivelato insensibile nei confronti del pianeta e della vita in generale.

Nonostante le minacce del coronavirs e la scomparsa dei visitatori,  l’opera ha comunque guadagnato  una grande importanza geopolitica e culturale. Infatti nel 2021 si festeggerà il mezzo secolo di amicizia tra Italia e Cina e, a quanto dicono le Istituzioni, sembra che l’evento (virus permettendo), sia oggetto di tante iniziative artistiche sia qui sia in Oriente.

Per ciò che rappresentano i lupi nella nostra cultura  il messaggio potrebbe indurci ad un fraintendimento,  perché, come spiega l’artista Liu Ruowang, l’immagine di questo animale nella cultura cinese, è associata al lavoro di gruppo e alle forme elevate cooperazione e non alla cattiveria o alla ferocia. Un’interpretazione allegorica  del lupo sicuramente molto più razionale di quella che si ha nei Paesi occidentali.

Spero che quando terminerà questa emergenza sanitaria ci sarà per qualcuno  ancora la possibilità di vedere  quest’opera che dovrebbe restare esposta fino al 31 maggio  e apprezzarne non solo la bellezza e la potenza, ma anche, anzi, soprattutto,  il suo elevato messaggio etico.

 

 

 

Antimo Pappadia

wp_7490131

Antimo Pappadia Direttore responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *