La prefazione

Signore E Signori, Ecco A Voi…

La Prefazione.

Questa sconosciuta?

Quando acquistiamo un libro sappiamo già, più o meno, cosa troveremo tra quelle pagine.

Abbiamo letto la quarta di copertina (ne riparleremo…), le note biografiche…

E la prefazione?

Chi la legge? Quando viene letta? Quasi mai.

Forse perché è scritta da un perfetto sconosciuto, magari un professore che l’autore/autrice ha avuto al liceo che infiocchetta il libro con parole così altisonanti e astruse da risultare noioso come una canzone degli Inti-Illimani. (grazie Prof, questa te l’ho rubata…)

Però.. eh sì, anche qui c’è il rovescio della medaglia.

Se la suddetta fosse scritta da un personaggio famoso? Magari un cantante, un attore… oppure un autore che è sugli scudi e che decide di donare un po’ della propria fama all’esordiente di turno, estasiato per aver ricevuto in dono quella paginetta e mezza che, per lui, vale molto più del libro.

Per esempio io ho acquistato un libro perchè la prefazione era stata scritta da un certo Andrea G. Pinketts

Personalmente ho avuto il privilegio di scrivere la prefazione per un libro di Enrico Nascimbeni, un Artista che non ha certo bisogno di presentazioni.

E se penso che, per la sua opera precedente, il compito era toccato a Roberto Vecchioni

Ok, forse leggere le prefazioni non è il massimo della vita.

Però fatelo, almeno per gentilezza, verso chi ha speso del suo per scrivere quella paginetta e mezza…

 

 

Roberto Baldini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *