Dietro a quale tipologia di uomo si nasconde il Principe Azzurro?

Tutte le donne amano essere corteggiate. Sentirsi desiderate accresce l’autostima, fa sentire lusingate indipendentemente dal fatto di desiderare o meno un amore. Ma quando una donna aspira a un compagno, quale tipo di maschio ritiene più congeniale?

In fase di corteggiamento, il gentil sesso si può trovare al cospetto di quattro tipologie maschili: il seduttore, il Don Giovanni, il bravo ragazzo e l’amico.

-Il seduttore di rado colpisce per la sua estetica, anche se risulta affascinante e brillante. E’ comprensivo ma non è oppressivo, si mostra carino, ma mai sdolcinato. Non forza i tempi, non ne ha bisogno poiché gode della disponibilità di diverse donne, anche se questo è un segreto che non rivelerà mai a nessuno. E’ sicuro di sé ma non si vanta, soprattutto non si sbilancia mai più di quanto sia necessario.

Il Don Giovanni è bello e sa di esserlo. Nonostante in genere la sua spavalderia rappresenti una super compensazione inconscia di un’insicurezza sostanziale, agli occhi delle fanciulle appare sfrontato e il suo approccio con le donne è diretto. Il gentil sesso si sente attratto da questo tipo di uomo, senza tuttavia digerirne quell’atteggiamento presuntuoso da collezionista di donne-trofeo.

-Il bravo ragazzo, a causa della sua spontaneità, non riesce quasi mai a valorizzare le proprie qualità. Ha entusiasmo da vendere, è premuroso, protettivo e attento, ma spesso esagera. Si comporta così perché ha veramente a cuore la ragazza che sta corteggiando e non per carattere debole o temperamento fragile. Questa tipologia di uomo però suscita ansia nella donna che in genere, per poter scegliere, necessita di tempo e serenità.

-L’amico è quel corteggiatore che non ha mai il coraggio di dichiararsi apertamente. E’ sempre disposto ad ascoltare, ha il merito di far sentire la donna a proprio agio, ha perfino la capacità di entrare nell’intimo femminile, ma mai nei desideri erotici della corteggiata: per tale motivazione è il primo a essere scartato.

Anche il bravo ragazzo ha un alto grado di probabilità di essere escluso. Il suo entusiasmo, la sua eccitazione, possono inizialmente contagiare la ragazza in questione; in seguito, le troppe attenzioni e la ricerca di un contatto continuativo lo fanno apparire opprimente: ecco il motivo per cui anche lui viene rifiutato.

Il Don Giovanni non può non piacere. La donna ne apprezza la bellezza fisica, si sente attratta dalle sue braccia possenti, ma spesso perfino lui viene escluso. Il Don Giovanni è un narcisista e una donna si sa, tollera parecchie cose, ma non sopporta di essere considerata una delle tante, perfino quando cerca solo un’avventura.

Il seduttore non solo ha la capacità di far sentire speciali tutte le donne che incontra, ma ha la virtù di riconoscere e apprezzare le singole doti di ognuna di loro. Generalmente possiede un’intelligenza emozionale superiore alla media e non finge quando dice, per motivi diversi, di trovarle sempre tutte speciali. Il Seduttore ha la pazienza e la sensibilità dell’amico, l’entusiasmo e il fervore del bravo ragazzo e infine, benché di solito meno bello, è disinibito e brillante proprio come un vero Don Giovanni: ecco la ragione per cui è proprio lui ad avere più possibilità rispetto agli altri corteggiatori.

Peccato solo che il seduttore vada alla ricerca di un amore ancestrale mai ottenuto. Attraverso la seduzione, vorrebbe ottenere l’affetto materno che non ha ricevuto da bambino: per questo ama tutte le donne, ma mai nessuna in modo tale da donare l’unicità e l’esclusività che un amore autentico e totale esige.

 

Antimo Pappadia